Cari amici, 
continua la nostra esplorazione 
nel mondo del Design insieme ai bambini 
e con la collaborazione di 


Doremi Design Lab
Part II

ALLESTIMENTO
diverse tipologie di materiali: cortecce, sassi, conchiglie, foglie di banano, verdure a foglia, presentati come una serie accattivante. 
Il tavolo è preparato. 
La meraviglia è stato il piatto forte e il pensiero magico la pietanza. 
Si viene richiamati verso un altrove trascendente la cognizione puramente razionale. 
Si può cogliere una tensione verso la bellezza che nasce sempre da una sfida nei confronti della materia-oggetto, considerata nella sua essenza primitiva. 


DOMANDA
la domanda ci mette in relazione, la domanda ci fa entrare nel vivo del laboratorio. 
La fase in cui si articola l’esplorazione mentale che va alla ricerca di una risposta o di una serie è un passaggio che rende possibile il continuum tra le varie azioni. 

AZIONE
fruiamo dell’esperienza laboratoriale, rileviamo le diverse sensazioni e costruiamo l’archivio dei gesti creativi. 
L’adulto deve spostarsi all’interno della fase-azione per vedere e riconoscere l’ordine dei possibili e ambivalenti significati. 

Lorenzo: “come faccio a mangiare il budino se ho un cucchiaio troppo grande?” 
Giovanni: “rovesci il budino sulla corteccia e poi lo mangi”. 

 Sofia: “per mangiare un uovo senza posate e crudo prima lo rovesci sulla corteccia però poi l’uovo va da tutte le parti allora devo inventare lo scolapasta per l’uovo”.




leggi Doremi Design Lab – Part I qui

Lascia un commento