NARRAZIONE DI UN  

chiacchiere tra architetti in erba 


Cosa fa un architetto?


Tommaso: “progetta le istruzioni per costruire una casa”.


Giulia: “progetta i tetti”.


Emma Giulia: “ma se progetta solo i tetti, chi progetta una casa? L’archi-casa?”.


Mattia: “ per me l’architetto pensa al tetto, poi c’è l’archiporta, l’archimuri, l’archiscale, l’archistanze…”.


Abbiamo conosciuto alcuni architetti come Giò Ponti, Le Corbusier, Alvar Aalto, Zaha Hadid.


Tommaso: “io non mi ricordo tutti i nomi difficili ma mi ricordo di questo museo che sembra una torre di controllo”. (ndr MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, ROMA, Zaha Hadid).
Giulia: “questa casa sembra una faccia con un’acconciatura molto strana, oppure sembra una nave che naviga sull’erba.” (ndr Cappella di Notre Dame Du Haut a Ronchamp (1950-55) di Le Corbusier).

L’architetto si può chiamare anche: archi-sedia, archi-tavolo, archi-parco, archi-vaso…


Emma Giulia:”Ehi ragazzi sapete che l’architetto non progetta solo le case ma anche i parchi, i vasi, i lampadari, le sedie, i tavoli. Allora se un architetto progetta i parchi vuol dire che sa giocare, anche i grandi giocano? Forse prima di disegnare uno scivolo prova a salirci?”.

 

 

 I nostri progetti:


Tommaso: ”io ho progettato una casa sull’albero con l’ascensore dentro il tronco, poi un letto a forma di astronave così appena ti addormenti, decolli verso i sogni”.


Giulia: “io ho pensato a una sedia per le principesse, ti siedi e ti alzi principessa ma non per sempre, solo fino a quando lo decidi tu.


Emma Giulia: “io ho pensato di progettare un aspiracolore, è come un aspirapolvere che cattura tutti i colori poi lo apri e tiri fuori le strisce di colore che si sono formate.


Mattia: “ a me piace il gioco del memory e vorrei disegnare un memory con le facce dei miei amici da quando erano piccoli fino adesso”. 



Il prossimo ARCHILAB è in Via Dezza

Lascia un commento